ULTIM'ORA
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

TERRACINA: MONTE CUCCA, INIZIATI I LAVORI

TERRACINA: MONTE CUCCA, INIZIATI I LAVORI

Aperto il cantiere per la messa in sicurezza di Monte Cucca nella zona de La Fiora. Dopo l’assegnazione delle risorse a seguito dell’approvazione del progetto del Comune di Terracina ci sono state difficoltà burocratiche, ha affermato il sindaco Roberta Tintari-, soprattutto in ordine agli espropri delle aree interessate dal massiccio intervento. Mitigare il rischio di caduta massi su 1,2 km di costone roccioso non è un’operazione semplice, ma l’obiettivo è di portarla a termine, imprevisti esclusi ed eventuali condizioni meteo sfavorevoli, entro la primavera 2023.  La ditta incaricata, Società Cadore Asfalti di Perarolo di Cadore in Provincia di Beluno, dovrà procedere ad un intervento di realizzazione delle opere di difesa della caduta dei massi che hanno di fatto causato la chiusura, nel settembre del 2012, del tratto ferroviario che collega Terracina a Fossanova, oltre che diventare un rischio permanente per le strade e le abitazioni che insistono a valle. Circa 60 mila metri cubi di cemento, da estrarre attraverso ben sei cave.

Si tratta di un importo complessivo di circa 4 milioni di euro per gli interventi, che consisteranno nella realizzazione di barriere paramassi, anche detti “valli”, dell’altezza di circa 7 metri, su un tratto che si estende per circa un chilometro. Il finanziamento in gran parte è arrivato dalla Regione Lazio, inserito nei fondi per la mitigazione del rischio idrogeologico. Il Comune ha poi aggiunto circa 900 mila euro dal bilancio comunale per un completamento.

Ci sono voluti dieci anni per avviare i lavori in una zona sempre a rischio crollo massi e che tiene da un decennio i residenti con il fiato sospeso. Ma si guarda oltre. Dal Comune fanno sapere di voler convocare le associazioni e i comitati che si occupano attivamente del ripristino del collegamento ferroviario diretto con Roma e impostare un confronto con RFI al fine di sondare tutte le possibilità di riattivare la stazione ferroviaria di Terracina, circostanza subordinata all’intervento di mitigazione del rischio del Monte Cucca avviato dal Comune.

Condividi su:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
ADVERTISEMENT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ADVERTISEMENT

LEGGI ANCHE

ADVERTISEMENT

ULTIME NOTIZIE

ULTIMA EDIZIONE DEL LAZIOTG

ULTIMA EDIZIONE DEL TG FLASH