Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

SABAUDIA: ARTIGLIERIA CONTROAEREI, ADDESTRAMENTO STINGER

Si è conclusa l’esercitazione in ambiente montano delle unità STINGER del 17° Reggimento Artiglieria Controaerei “Sforzesca”, una delle più complesse attività addestrative organizzate e condotte dal reparto V/SHORAD (Very Short Range Air Defence) del Comando Artiglieria Controaerei (COMACA) dell’Esercito per testare e incrementare le capacità di intervento del sistema d’arma a cortissima portata in situazioni di impiego estreme.

Svoltasi nelle scorse settimane tra le vette appenniniche dei Monti Ernici e Simbruini, Campo Staffi e l’area di Filettino, l’attività, facente parte di un ciclo addestrativo che abbraccia vari ambienti, ha visto operare i militari dello “Sforzesca”, alla guida del Colonnello Daniele Reale, alle prese con pelli di foca e racchette da neve, una sfida inusuale per il reparto pontino che ha affrontato dislivelli di oltre 1000 metri, trainando a slitta il sistema d’arma STINGER dal peso complessivo di circa 35 kilogrammi e approntato rifugi di fortuna per trascorrere le notti all’addiaccio, mettendo in risalto la duttilità del sistema d’arma controaerei capace di schierarsi abilmente in ambienti poco permissivi.

Scopo dell’esercitazione è stato quello di testare la capacità di garantire la difesa controaerei alle bassissime quote, in aderenza alle unità di manovra operanti in ambiente montano, con clima rigido e morfologia articolata, nonché mantenere sempre alto il livello di prontezza delle forze del COMACA, nel pieno rispetto delle norme per il contenimento della diffusione del CoViD-19.

Il sistema d’arma missilistico terra-aria STINGER, impiegato contro la minaccia aerea condotta alle bassissime quote, è composto dal missile, dal tubo di lancio, dall’unità di alimentazione elettrica e da un sistema di identificazione.

Ai fini addestrativi il sistema d’arma dispone di una configurazione Field Handing Trainer (FHT), sistema inerte per la familiarizzazione al maneggio dell’arma, e di una configurazione Tracking Head Trainer (THT), in grado di simulare l’intera sequenza di lancio e di valutare il grado di addestramento raggiunto dagli operatori.

Condividi su:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IN EVIDENZA

Guarda l'ultima edizione del LAZIO TG

Guarda l'ultima edizione del TG FLASH