ULTIM'ORA
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

ROMA: VIOLENZE, FIRMATO IL PROTOCOLLO “ZEUS”

Questa mattina il Questore di Roma, Mario Della Cioppa, e la Presidente del CIPM Lazio A.P.S. “Centro Italiano per la Promozione della Mediazione” un centro specializzato che si occupa anche del recupero dei soggetti maltrattanti, di quei soggetti con radicati problemi nelle relazioni, d.ssa Carla Maria Xella, hanno sottoscritto il protocollo denominato “ZEUS” promosso dal Ministero dell’Interno-Direzione Centrale Anticrimine, volto a diffondere sul territorio della provincia le buone prassi finalizzate ad implementare la capacità di contenimento e gestione delle violenze relazionali e dei rischi di vittimizzazione.

Il protocollo Zeus – nome che evoca il primo caso di maltrattamento nella mitologia greca –  stilato nell’ambito del Progetto europeo ENABLE (Early Network – based Action against abusive Behaviours to Leverage victim Empowerment – REC – RDAP – GBV – AG – 2020) costituisce un modello d’azione innovativo ed efficace, che amplia l’efficacia dello strumento di natura amministrativa dell’Ammonimento del Questore previsto dalla legge per le condotte riconducibili alla violenza domestica e agli atti persecutori.

L’ammonimento è uno strumento importante perché, prima che si arrivi ad ambiti da procedimento penale e a condotte che sono penalmente punibili, è possibile intervenire sul soggetto maltrattante evidenziando il disvalore sociale e penale della condotta. E’ una sorta di “cartellino giallo”, che avverte la persona che quello che sta accadendo è un fatto non accettabile e pericoloso. Nell’anno 2020 sono stati adottati un numero maggiore di ammonimenti per violenza domestica – da 55 dell’anno precedente ai 110 nel 2020 – che è l’aspetto che preoccupa di più perché avviene nell’ambito familiare, mentre per le condotte di atti persecutori sono stati ammoniti 43 soggetti.

 Con il protocollo Zeus si garantisce una risposta immediata e integrata ai fenomeni violenza offrendo all’ammonito un percorso trattamentale a cura di una equipe di professionisti, specializzati nel trattare le persone con problemi relazionali, che opera nell’ambito del CIPM Lazio, partner del Progetto europeo ENABLE.

Inizia quindi per l’ammonito un percorso che punta a un cambiamento profondo con l’obiettivo finale di incidere sui condotte recidive. Infatti il soggetto maltrattante, accede gratuitamente ad un ciclo di colloqui, nell’ambito del quale lo stesso ha la possibilità di riflettere e ricostruire, sul piano emotivo e cognitivo, le vicende che lo hanno condotto a porre in essere i comportamenti violenti, e quindi favorire la consapevolezza del disvalore sociale e della lesività degli atteggiamenti prevaricatori.

Si è infatti convinti che i comportamenti violenti non esplodono all’improvviso, ma sono preceduti da malfunzionamenti relazionali caratterizzati da dinamiche di escalazione tant’è che, come noto, i femminicidi, nella maggior parte dei casi, sono precorsi da atti persecutori e/o episodi di maltrattamenti maturati in un contesto di isolamento di vittima e autore. Anticipare la soglia di protezione, intercettando i comportamenti che integrano i cosiddetti reati “sentinella” e impedire che vengano portati ad ulteriori e più gravi conseguenze, riducendo il rischio di recidiva, è il fine di questa strategia condivisa tra la Questura di Roma e il CPIM Lazio.

L’attenzione rivolta al contrasto di tale complesso fenomeno criminale e alla tutela delle vittime ha portato ad una riflessione generale sulla necessità di “prendersi carico anche di chi agisce con violenza” integrando le disposizioni legislative con norme tese al suo recupero. Difatti l’art.3 comma 5 bis della Legge 15 ottobre 2013 n. 119 stabilisce che “quando il Questore procede all’ammonimento (…), informa senza indugio l’autore del fatto circa i servizi disponibili sul territorio inclusi i consultori familiari, i servizi di salute mentale e i servizi per le dipendenze (…), finalizzati ad intervenire nei confronti degli autori di violenza domestica o di genere”. Pertanto con il protocollo Zeus in sede di notifica dell’Ammonimento, al soggetto maltrattante  verrà fissato un appuntamento con il CIPM Lazio per intraprendere il trattamento volto al miglioramento della gestione delle emozioni, nella  convinzione che intervenire all’inizio della spirale della violenza è determinante per prevenire la degenerazione dei primi atti, affinché colui che li ha commessi possa ” fermarsi prima “.

Condividi su:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IN EVIDENZA

Guarda l'ultima edizione del LAZIO TG

Guarda l'ultima edizione del TG FLASH