ULTIM'ORA
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

ROMA: “LE SONO CADUTE DELLE MONETINE…”, COSI’ DERUBAVANO GLI ANZIANI. DUE ARRESTI

“Le sono cadute delle monetine…” è questa la scusa che utilizzavano per distrarre le loro anziane vittime e derubarle. In manette due cittadini stranieri.

E’ stato il loro atteggiamento ad insospettire gli agenti della Polizia di Stato dell’VIII Distretto Tor Carbone, diretto da Laura Petroni. I poliziotti che si trovavano in servizio in piazzale Ardigò proprio per le numerose segnalazioni di furto di borse in danno di anziani che, distratti con la scusa delle chiavi o altri oggetti da valore caduti a terra, venivano derubati, hanno notato due soggetti con evidenti tratti somatici latini, mentre, davanti l’ingresso di una banca, continuavano a guardarsi attorno come per accertarsi di non essere eseguiti o controllati.

Dopo qualche secondo, i due si sono incamminati in direzione di un supermercato e, quando si sono accorti di essere osservati, sono tornati indietro. Avvicinati dai poliziotti, alla richiesta dei documenti, entrambi si sono dati alla fuga attraversando prima i giardini pubblici del piazzale e poi dirigendosi su via Laurentina tanto che diverse auto in transito hanno dovuto effettuare brusche frenate per evitare di investirli.

i poliziotti hanno bloccato un cubani di 48 anni con precedenti nei pressi del complesso sportivo paraolimpico del Coni in via delle Tre Fontane. L’altro uomo, 26 anni peruviano, fuggito in direzione di piazzale Santo Domingo, malgrado abbia tentato di dimenarsi, è stato raggiunto e bloccato poco dopo con l’ausilio dei poliziotti in moto della Sezione Volanti.

Le successive indagini, hanno permesso agli investigatori del Distretto di accertare che poco prima, proprio in piazzale Ardigò una donna, di 83 anni, all’uscita dalla farmacia, era stata avvicinata da un giovane, corrispondente al 26enne fermato, che, dopo averla distratta con la scusa delle monetine a terra, si era impossessato, con l’aiuto del complice, della sua borsa poggiata sul sedile anteriore della propria autovettura.  Utilizzando le carte di credito ed il bancomat presenti nella borsa, i due malviventi erano riusciti poi a prelevare – in due istituti bancari diversi – una somma pari a 4 mila euro.

Accompagnati negli uffici di polizia i due malviventi sono stati arrestati per furto aggravato in concorso, indebito utilizzo di carte di credito, resistenza a pubblico ufficiale mentre il 26enne anche per false attestazioni a Pubblico Ufficiale.

Condividi su:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

IN EVIDENZA

Pagina contatti elezioniPagina contatti elezioniPagina contatti elezioni

Guarda l'ultima edizione del LAZIO TG

Guarda l'ultima edizione del TG FLASH