Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

FONDI: 80 ANNI L’ARRIVO DEGLI ALLEATI. LA COMMEMORAZIONE

FONDI: 80 ANNI L’ARRIVO DEGLI ALLEATI. LA COMMEMORAZIONE

Si sono tenute le celebrazioni organizzate dal Comune di Fondi e dall’associazione Confronto in occasione dell’80esimo anniversario dall’ingresso delle truppe alleate in città. A conferire solennità all’evento, la presenza della Banda del Comando artiglieria contraerei di Sabaudia che ha accompagnato tutti i momenti più significativi della giornata. Si tratta di un complesso ormai storico, fondato nel 1970 e oggi composto da 35 elementi. Presenti anche due mezzi militari nonché gli agenti della Polizia Locale con gonfalone e divise d’epoca e le più importanti autorità militari e civili del territorio.

Dopo il discorso del baby sindaco Giuseppe Matteoli è stato inaugurato, in via Vitruvio Vacca, un monumento in memoria delle oltre 700 vittime civili, fatto realizzare dall’ingegnere e artista di Coreno Ausonio Alessandro Costanzo. E’ il luogo adiacente all’ex forno di Gennaro Tammetta dove, il 19 gennaio 1944, trovarono la morte 17 concittadini a causa bombardamento Alleato. Proprio la signora Tammetta ha condiviso con i presenti una testimonianza diretta di quando aveva solo 5 anni raccontando le provvidenziali coincidenze che precedettero il bombardamento al forno di famiglia e che le salvarono la vita.

L’opera di Alessandro Costanzo è stata realizzata su un disegno del comprensivo Amante che si è aggiudicato il primo premio del concorso bandito dal Comune di Fondi.

Il lavoro di tutti gli istituti è stato premiato con un riconoscimento in denaro ma, vagliate tutte le proposte, la giuria presieduta dalla dirigente Erminia Ferrara e composta dal giornalista nonché presidente dell’Associazione “Confronto” Carlo Alberoni e dalla professoressa Maria Luigia Marino, ha decretato vincitore il lavoro dell’Amante. L’adiacente ricostruzione storica è stata invece realizzata dal comprensivo Garibaldi.

“La simbologia adottata – recitano le motivazioni – ha dei contenuti molto profondi che testimoniano la ferma volontà di far rinascere la speranza su terreni arsi e inariditi dalle morti civili. Il percorso individuale di analisi personale si coniuga con una visione più generale ancorata ad elementi di notevole originalità, coniugando tecnica stilistica e apporto individuale. L’opera merita la realizzazione e la collocazione in maniera permanente”.

Il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto ha tenuto il suo discorso in Piazza De Gasperi, dopo la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti, annunciando che, come deliberato dal Consiglio comunale, ogni 20 maggio si celebrerà la liberazione della città dall’occupazione nazifascista.  La giornata si è conclusa al Castello Caetani con una mostra, un convegno ed un’esposizione fotografica. In particolare sono stati esposti armamenti e uniformi di entrambi gli schieramenti che hanno partecipato all’occupazione e alla liberazione della Piana di Fondi. E’ stata allestita anche una mostra con divise militari statunitensi e tedesche e con foto inedite.

Condividi su:

ADVERTISEMENT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ADVERTISEMENT

LEGGI ANCHE

ADVERTISEMENT

ULTIME NOTIZIE

ULTIMA EDIZIONE DEL LAZIOTG

No video found!

ULTIMA EDIZIONE DEL TG FLASH

No video found!