Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Cina-Italia: collaborazione tra musei ricrea viaggio di Marco Polo a 700 anni dalla sua morte

Cina-Italia: collaborazione tra musei ricrea viaggio di Marco Polo a 700 anni dalla sua morte

Shanghai, 18 mag 12:28 – (Xinhua) – A 700 anni dalla scomparsa di Marco Polo, il leggendario viaggio in Oriente del mercante veneziano ha nuovamente catturato l’interesse dei viaggiatori di tutto il mondo, con una straordinaria mostra allestita nel prestigioso Palazzo Ducale di Venezia, in Italia.

La mostra, intitolata “I mondi di Marco Polo – Il viaggio di un mercante veneziano del Duecento”, ha ricostruito diverse scene culturali incontrate da Marco Polo lungo la Via della seta, con un importante capitolo composto da 48 reliquie culturali cinesi, tra cui ceramiche, strumenti musicali e giade, provenienti dal Museo di Shanghai.

“La collaborazione con il Museo di Shanghai è la nostra prima iniziativa ed è un risultato perfetto”, ha dichiarato Chiara Squarcina, curatrice della mostra e direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, in un’intervista a Xinhua. “Hanno manufatti che si adattano maggiormente al periodo in cui Marco Polo viaggiò in Cina”.

“Abbiamo condiviso l’obiettivo di presentare gli aspetti sociali, culturali ed economici della Cina della dinastia Yuan (1271-1368), nonché la sua apertura, inclusività e diversità culturale”, ha dichiarato Wang Yue, co-curatore del Museo di Shanghai.

Per commemorare il 700mo anniversario della scomparsa del leggendario viaggiatore, nel corso dell’anno sono previsti una serie di eventi ufficiali nella sua città natale, Venezia. All’inizio del 2023, il Consolato generale d’Italia a Shanghai ha invitato il Museo di Shanghai a co-curare questa mostra speciale a Palazzo Ducale.

Tra i reperti provenienti dalla Cina, Squarcina ha elogiato in particolare le porcellane bianche e blu e gli strumenti musicali. “Mentre le prime sono una tipica rappresentazione della cultura e dell’arte cinese, i secondi sono un vibrante canale di scambio culturale”.

Il vaso di porcellana bianca e blu e la ciotola di porcellana di Jingdezhen della dinastia Yuan sono molto rari e squisiti, ha affermato Wang. “Sono rappresentativi dello stile cinese della dinastia Yuan”.

I servizi educativi della mostra hanno attirato numerosi adolescenti e visite di gruppo. “Palazzo Ducale non è solo un simbolo di Venezia, ma anche una destinazione turistica internazionale. Con questa mostra intendiamo far conoscere e commemorare Marco Polo al pubblico di tutto il mondo”, ha dichiarato Squarcina, aggiungendo che la mostra ha riscosso un notevole interesse da parte del pubblico fin dalla sua apertura in aprile.

Dopo la conclusione della mostra, a fine autunno, i reperti saranno trasferiti al Museo di Shanghai per una mostra speciale. “Speriamo di sostenere questa partnership per le iniziative future”, ha affermato Squarcina, ribadendo l’importanza delle collaborazioni museali tra Paesi per mettere in contatto società diverse.

Facendo eco alla sua opinione, Wang si aspetta che le mostre congiunte coinvolgano un pubblico più ampio e promuovano un maggiore apprezzamento per storie, tradizioni e valori diversi.

A conclusione della mostra è stata presentata una mappa interattiva della Via della seta, dove i visitatori possono toccare e annusare le specialità dei vari Paesi, come la seta e le spezie. “Il viaggio di Marco Polo ha colmato le distanze tra popoli diversi”, ha affermato Rosanna Gac, una visitatrice proveniente dalla Puglia.

“Ritengo che nel mondo di oggi sia ancora più importante promuovere la comunicazione e la comprensione reciproche tra le persone”, ha aggiunto la donna. (Xin)

 © Xinhua

A 700 anni dalla scomparsa di Marco Polo, il leggendario viaggio in Oriente del mercante veneziano ha nuovamente catturato l’interesse dei viaggiatori di tutto il mondo, con una straordinaria mostra allestita nel prestigioso Palazzo Ducale di Venezia, in Italia. La mostra, intitolata “I mondi di Marco Polo – Il viaggio di un mercante veneziano del Duecento”, ha ricostruito diverse scene culturali incontrate da Marco Polo lungo la Via della seta, con un importante capitolo composto da 48 reliquie culturali cinesi, tra cui ceramiche, strumenti musicali e giade, provenienti dal Museo di Shanghai. “La collaborazione con il Museo di Shanghai è la nostra prima iniziativa ed è un risultato perfetto”, ha dichiarato Chiara Squarcina, curatrice della mostra e direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, in un’intervista a Xinhua. “Hanno manufatti che si adattano maggiormente al periodo in cui Marco Polo viaggiò in Cina”. “Abbiamo condiviso l’obiettivo di presentare gli aspetti sociali, culturali ed economici della Cina della dinastia Yuan (1271-1368), nonché la sua apertura, inclusività e diversità culturale”, ha dichiarato Wang Yue, co-curatore del Museo di Shanghai. Per commemorare il 700mo anniversario della scomparsa del leggendario viaggiatore, nel corso dell’anno sono previsti una serie di eventi ufficiali nella sua città natale, Venezia. All’inizio del 2023, il Consolato generale d’Italia a Shanghai ha invitato il Museo di Shanghai a co-curare questa mostra speciale a Palazzo Ducale. Tra i reperti provenienti dalla Cina, Squarcina ha elogiato in particolare le porcellane bianche e blu e gli strumenti musicali. “Mentre le prime sono una tipica rappresentazione della cultura e dell’arte cinese, i secondi sono un vibrante canale di scambio culturale”. Il vaso di porcellana bianca e blu e la ciotola di porcellana di Jingdezhen della dinastia Yuan sono molto rari e squisiti, ha affermato Wang. “Sono rappresentativi dello stile cinese della dinastia Yuan”. I servizi educativi della mostra hanno attirato numerosi adolescenti e visite di gruppo. “Palazzo Ducale non è solo un simbolo di Venezia, ma anche una destinazione turistica internazionale. Con questa mostra intendiamo far conoscere e commemorare Marco Polo al pubblico di tutto il mondo”, ha dichiarato Squarcina, aggiungendo che la mostra ha riscosso un notevole interesse da parte del pubblico fin dalla sua apertura in aprile. Dopo la conclusione della mostra, a fine autunno, i reperti saranno trasferiti al Museo di Shanghai per una mostra speciale. “Speriamo di sostenere questa partnership per le iniziative future”, ha affermato Squarcina, ribadendo l’importanza delle collaborazioni museali tra Paesi per mettere in contatto società diverse. Facendo eco alla sua opinione, Wang si aspetta che le mostre congiunte coinvolgano un pubblico più ampio e promuovano un maggiore apprezzamento per storie, tradizioni e valori diversi. A conclusione della mostra è stata presentata una mappa interattiva della Via della seta, dove i visitatori possono toccare e annusare le specialità dei vari Paesi, come la seta e le spezie. “Il viaggio di Marco Polo ha colmato le distanze tra popoli diversi”, ha affermato Rosanna Gac, una visitatrice proveniente dalla Puglia. “Ritengo che nel mondo di oggi sia ancora più importante promuovere la comunicazione e la comprensione reciproche tra le persone”, ha aggiunto la donna.

Condividi su:

ADVERTISEMENT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ADVERTISEMENT

LEGGI ANCHE

ADVERTISEMENT

ULTIME NOTIZIE

ULTIMA EDIZIONE DEL LAZIOTG

No video found!

ULTIMA EDIZIONE DEL TG FLASH

No video found!