Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Cina: funzionari, definire esportazioni NEV del Paese come frutto di sovraccapacità non regge

Cina: funzionari, definire esportazioni NEV del Paese come frutto di sovraccapacità non regge

Pechino, 20 mag 14:48 – (Xinhua) – Mentre alcuni Paesi occidentali dipingono le crescenti esportazioni di veicoli a energia nuova (NEV) da parte della Cina come il risultato di una sovraccapacità interna, diversi funzionari cinesi hanno confutato questa tesi, affermando che il ragionamento basato sulle esportazioni non può reggere.

He Hailin, funzionario del ministero dell’Industria e della Tecnologia dell’Informazione, ha affermato che la capacità produttiva di una nazione che supera la domanda interna è un fenomeno comune a livello globale, poiché rispecchia i vantaggi comparativi e deriva dalla divisione del lavoro.

He ha formulato queste osservazioni in occasione del quinto episodio della China Economic Roundtable, una piattaforma di discussione per tutti i media organizzata dall’agenzia di stampa Xinhua.

“Per esempio, l’80% dei chip prodotti negli Stati Uniti viene esportato, il 50% delle auto giapponesi viene venduto all’estero e quasi l’80% della produzione automobilistica tedesca è destinata ai mercati esteri”, ha affermato un altro relatore ospite, Ding Weishun, funzionario del ministero del Commercio, aggiungendo che anche gli aerei prodotti da Boeing e Airbus dipendono fortemente dai mercati esteri.

Al contrario, le esportazioni cinesi di NEV costituiscono solo una piccola parte della produzione totale, ha affermato Ding.

Se l’anno scorso sono stati prodotti 9,59 milioni di NEV nel Paese, circa il 12% di essi è stato esportato, ha dichiarato il funzionario. La Cina si rivolge prevalentemente al mercato interno, piuttosto che inondare i mercati esteri con NEV economici.

È inopportuno stabilire se un determinato prodotto sia o meno soggetto a sovraccapacità in base alle sue esportazioni, ha dichiarato Ding, criticando il tentativo di alcuni Paesi di influenzare il normale commercio globale sulla base di questo giudizio unilaterale.

Un sistema economico e commerciale internazionale aperto e cooperativo porta benefici reciproci e migliora il benessere delle persone in tutto il mondo, e dovrebbe essere sostenuto e mantenuto da tutti i Paesi, ha dichiarato He. (Xin)

 © Xinhua

Condividi su:

ADVERTISEMENT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ADVERTISEMENT

LEGGI ANCHE

ADVERTISEMENT

ULTIME NOTIZIE

ULTIMA EDIZIONE DEL LAZIOTG

ULTIMA EDIZIONE DEL TG FLASH