Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Cina: clima economico favorevole per il successo di un manager italiano

Cina: clima economico favorevole per il successo di un manager italiano

Tianjin , 14 feb 12:14 – (Xinhua) – L’inizio della produzione al laboratorio di pellicole composite a secco, completato di recente nella municipalità di Tianjin, nel nord della Cina, è stato motivo di grande entusiasmo per Mirko Turrina.

Il laboratorio è il progetto di espansione di fase III, con un investimento totale di 15 milioni di euro, di Goglio (Tianjin) Packaging Co., Ltd., un’azienda italiana che si occupa della produzione di imballaggi asettici per concentrato di pomodoro, succhi e caffè, nonché di attrezzature e servizi di riempimento.

Il 47enne Turrina, che viene dall’Italia, è il direttore generale dell’azienda.

Dopo il suo trasferimento in Cina nel 2004, Turrina ha vissuto nella città meridionale di Guangzhou negli ultimi 14 anni. Durante questo periodo, ha guidato con successo una joint venture straniera verso la piena localizzazione nel campo dell’ingegneria e della ricerca e sviluppo, ed è stato determinante nella quotazione della società nel National Equities Exchange and Quotations (NEEQ) cinese, noto anche come “nuovo terzo listino”.

Con una vasta esperienza alle spalle, Turrina si è trasferito a Tianjin nel 2018, desideroso di affrontare nuove sfide e continuare a lasciare il segno.

Guardando alle enormi opportunità e al vantaggio geografico di Tianjin e allo sviluppo coordinato della regione Pechino-Tianjin-Hebei, Turrina è entrato a far parte dello stabilimento Goglio di Tianjin.

Turrina ritiene che l’ecosistema aziendale costantemente ottimizzato e il contesto politico favorevole in Cina siano stati i principali catalizzatori della crescita e del successo dell’azienda.

Ad esempio, la società si occupa di commercio offshore, il che significa che sia i luoghi di origine che le vendite delle merci scambiate avvengono all’estero, ha spiegato.

“Abbiamo dovuto acquistare altri prodotti dalla nostra società madre o da consociate negli Stati Uniti e in Europa poiché non avevamo ancora localizzato alcuni prodotti a Tianjin. Ciò ha creato alcuni problemi in passato”, ha affermato Turrina.

Le banche cinesi non potevano verificare se gli scambi fossero reali o meno quando si trattava di commercio offshore, poiché nessuna merce entrava nel Paese e non c’era alcuna dichiarazione doganale.

Il quartier generale di Goglio o altre filiali spedivano prima le merci fuori dalla Cina nei Paesi di destinazione via mare e poi rispedivano i documenti di trasporto originali a Tianjin.

I documenti di trasporto, una volta presentati alle banche cinesi per la verifica venivano inoltrati ai clienti esteri, consentendo la consegna della merce, e allo stabilimento Goglio di Tianjin di saldare i conti.

“In questo caso, il flusso dei documenti richiedeva almeno un mese e in alcuni casi anche più tempo”, ha detto Turrina.

Le cose hanno iniziato a cambiare alla fine del 2021, quando le autorità cinesi hanno emesso un avviso per sostenere lo sviluppo del nuovo commercio internazionale offshore per stimolare l’innovazione.

L’area aeroportuale della zona pilota di libero scambio della Cina (Tianjin), dove si trova l’azienda, ha presto provveduto ad una nuova modalità di commercio offshore per facilitare il servizio.

Queste politiche hanno consentito l’approvazione del credito per il commercio offshore della società, riducendo i tempi di consegna dei documenti di trasporto. “Le nuove politiche ci hanno aiutato a migliorare il livello di soddisfazione dei nostri clienti e gli affari all’estero”, ha affermato Turrina.

“Abbiamo fatto abbastanza bene rispetto al passato”, ha affermato Turrina, aggiungendo che nel 2022 lo stabilimento di Tianjin ha registrato un aumento del 30% degli ordini dall’Asia.

In futuro, Turrina spera di rendere lo stabilimento di Tianjin il principale polo di produzione di Goglio nella regione Asia-Pacifico e di fornire più prodotti e soluzioni di assistenza ai clienti in Cina e in altre parti dell’Asia.

Vivendo da quasi due decenni in Cina, Turrina ha ottenuto un permesso di residenza permanente.

“Mi sono completamente integrato nella vita in Cina. Mi sento felice e voglio restare più a lungo”, ha detto Turrina. (Xin)© Xinhua

Condividi su:

ADVERTISEMENT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ADVERTISEMENT

LEGGI ANCHE

ADVERTISEMENT

ULTIME NOTIZIE

ULTIMA EDIZIONE DEL LAZIOTG

ULTIMA EDIZIONE DEL TG FLASH